ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

EdC, prospettive di un movimento di pensiero

Dalla giornata di studio dello scorso 15 maggio a Friburgo, quattro importanti spunti di riflessione per il futuro

di Luca Crivelli

Luca Crivelli 01 ridda "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.37 - Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.13 - 2013 - luglio 2013

La genesi del convegno. L’iniziativa di questa giornata di studio è  partita dal titolare  della  cattedra di teologia morale di Friburgo, che, ad un convegno di  bioetica, aveva  sentito  un’economista  salesiana parlare dei princìpi di vulnerabilità e gratuità, accostandoli all’esperienza dell’Economia di Comunione. Il professore, che non conosceva praticamente nulla del Focolare, ne era rimasto colpito e dopo cinque anni  ha  deciso  di  promuovere  un  seminario  tematico, perché la curiosità accesa in lui da quell’intervento non si era sopita. Quando un convegno EdC nasce così, in modo autonomo, consente di entrare in contatto con persone che difficilmente avremmo potuto avvicinare se l’evento fosse stato promosso da noi. Primo insegnamento: bisogna avere il coraggio di parlare di più di EdC, anche in convegni apparentemente dedicati a temi lontani dall’economia.

Il formato del convegno. Nell’arco di questa giornata  si  sono  succedute  ben  sette  relazioni  su  vari aspetti dell’EdC, a cominciare dall’humus spirituale del movimento e fino alle pratiche di management, al confronto tra EdC ed altre organizzazioni a movente ideale. Queste relazioni sono state intervallate da lunghi momenti di dialogo con il pubblico e da una tavola rotonda finale in cui persone esperte di economia hanno commentato i contenuti della giornata.  Questi  tempi  lunghi  hanno  permesso  di  non fermarsi  a  un’enunciazione  generica  del  progetto, costringendo ad affrontare questioni di dettaglio e suscitando nel pubblico domande che hanno finito con l’arricchire ulteriormente la discussione. Secondo insegnamento: è importante dedicare più tempo a riflettere a tutto tondo 130515 Friburgo 05 ridsull’EdC, per scavare sempre più in profondità nelle sue categorie sapienziali e trarne una teoria e una prassi sempre più articolate e concrete.

La logica degli anticorpi. Per irrobustirsi, il nostro sistema immunitario deve entrare in contatto con i batteri. Lo stesso vale per il progetto EdC. È necessario confrontarsi con  persone esterne  che, mosse da un’analoga tensione per il bene comune, stanno esplorando altre piste e si avventurano in territori di frontiera.  Occorre  ascoltare  profondamente  le  loro critiche, anche quando sono scomode, per superare le ingenuità e irrobustirsi ulteriormente. Abbiamo avuto la fortuna di trovare a Friburgo un ambiente umanamente  accogliente,  culturalmente  preparato e aperto all’EdC, ma è stato incredibile constatare  quante  prospettive importanti  (accanto  a molte  conferme)  siano emerse  dal  confronto con  interlocutori  competenti e di larghe vedute. Terzo  insegnamento: non dobbiamo temere il dibattito e la sfida, perché  è  questa  l’unica strada per crescere. Un modello aperto, inclusivo  e  federatore.

In  questi  anni  segnati dalla  crisi  economica, soprattutto  in  Europa  si  avverte  il  bisogno di  un  nuovo  orizzonte, di  un  diverso  modello economico.  Dobbiamo imparare  a  trascendere l’economia  di  comunione  con  la  “e”  piccola,  il bozzetto  di  nuova  economia  che  coinvolge  le nostre  850  aziende,  per offrire  un’alternativa  al capitalismo  finanziario di  oggi,  per  aprire  una strada  che  possa  essere seguita  da  tanti.  L’EdC può e deve diventare un movimento  di  pensiero capace di coinvolgere ed associare tutte le persone di buona volontà che credono  in  un’economia civile  e  di  comunione. Quarto  insegnamento: affinché non rimanga una goccia nel mare, un bel  sogno  “privato”, è necessario includere altri e trasformare l’EdC in un sogno collettivo.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it