ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Economia e condivisione

Rubriche - Oltre il mercato

di Luigino Bruni

pubblicato su  Città Nuova n.12/2016 di dicembre 2016

Sharing Economy ridNon è facile capire che cosa sta avvenendo veramente nel crescente fenomeno della cosiddetta sharing economy, economia della condivisione. Anche perché sotto questa l’espressione si raccolgono esperienze molto varie, a volte troppo varie.

Innanzitutto una premessa. Per chi guarda il processo di sviluppo dell’economia di mercato da una prospettiva di lungo periodo, la sharing economy di oggi è una tappa coerente con l’evoluzione del rapporto tra mercato e società. Fin dall’inizio il mercato è cresciuto in sinergia con il sociale. Un migliaio di anni fa, in Italia, sono iniziati i prodromi dell’economia di mercato con due operazioni: abbiamo preso pezzi di vita in comune fino ad allora retti da norme e strumenti comunitari e li abbiamo messi sotto il controllo della moneta, e poi abbiamo inventato nuove relazioni che nascevano grazie ai nuovi strumenti economici e monetari. Così, invece di continuare a filare i vestiti nella famiglia o nel clan per l’auto-consumo, abbiamo iniziati a venderli e ad acquistarli nella piazza. E abbiamo incontrato persone e popoli finora sconosciuti, o nemici, grazie ai commerci di seta e spezie. La via della seta è stata una grande via di condivisione, per molti secoli, che ha collegato mercanti e civiltà lontane. L’economia di mercato è sempre vissuta di questo intreccio tra socialità e contratti, di beni economici e beni relazionali, di moneta e gratuità. Negli ultimi due secoli gli spazi sociali intrecciati con i mercati sono cresciuti molto, e oggi sono davvero pochi quei luoghi non raggiunti dallo scambio monetario. Sempre più il mercato cresce dando un prezzo ad attività che fino ad allora facevamo gratuitamente, e inventando così sempre nuovi rapporti di mutuo vantaggio per rispondere ai nostri bisogni e desideri.

È dentro questo lungo cammino dell’Occidente, e dell’Europa in particolare, che va letto quanto oggi sta accadendo all’interno del pianeta sharing economy. Se vogliamo tentare di dare una definizione sostanziale della sharing economy, potremmo chiamare con questo nome quelle attività dove si ritrovano, in dosi diverse, queste tre caratteristiche: a) il mercato convive con una qualche dimensione di gratuità (di tempo, di energie, di denaro); b) i contratti si intrecciano con i beni relazionali; c) lo scambio nasce da un mutuo vantaggio esplicito e intenzionale. La novità sta nel tenere queste tre dimensioni assieme, perché esperienze con una o due delle caratteristiche elencate sono sempre esistite. Se guardiamo le esperienze concrete, è la prima dimensione (a) quella più difficile da ritrovare nelle prassi, perché quando il mercato si affianca alla gratuità tende a spiazzarla, ma non sempre, e non necessariamente.

Nel suo insieme, dobbiamo comunque essere molto contenti dello sviluppo della sharing economy, che sta aumentando le occasioni di incontro e di reciprocità nel nostro tempo, facendo crescere la biodiversità delle forme economiche e civili della società.

Ci sono, però, degli effetti collaterali poco visibili prodotti dallo sviluppo della crescita della sharing economy. Pensiamo, per un altro esempio, ai cosiddetti ‘home restaurant’, quelle famiglie che invitano persone sconosciute a cena a prezzi più bassi di quelli dei ristoranti. Se questo fenomeno cresce si potrà arrivare al giorno in cui nessuno ti inviterà a cena se non gli lasci almeno un’offerta. E chi non ha le possibilità economiche, sarà sempre più costretto a stare a casa propria. Ovviamente questi fenomeni diventano socialmente rivelanti quando superano ‘un punto critico’. Ma, purtroppo, i punti critici si superano quasi sempre senza esserne coscienti, e una volta superati rimangono dietro le spalle e non li vediamo più. E potremo presto ritrovarci in un mondo dove un amico ci chiederà 20 euro per ascoltarci un’ora, facendoci lo sconto del 50% rispetto al prezzo nel neo-nato mercato degli ascolti a pagamento. E avremo dimenticato l’antica verità che ascoltare un amico ha un valore infinito proprio perché non ha prezzo, perché è impagabile.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it