ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Creativi. Per l’altro

Cambiare le cose prendendosi cura di una persona alla volta

di Alberto Sturla

da  "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.41 - Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.13/14 - 2015 - luglio 2015

N41 Pag04 Alberto Sturla ridNei giorni fra il 26 e il 31 maggio scorsi ho avuto l’opportunità di partecipare al quinto congresso internazionale dell'Economia di Comunione. Ho preso parte ai lavori da semplice curioso, ma mentre scrivo mi rendo conto che in effetti era giusto che qualcuno rappresentasse la Liguria, regione da cui provengo e che ospita alcune realtà EdC significative a livello nazionale e internazionale.

In primo luogo è stato affascinante sperimentare la diversità delle aziende aderenti: dalla società per azioni alla piccola impresa agricola, dalla banca alla cartoleria. Non esistono dimensioni economiche minime per l’EdC. Si tratta di una "vocazione" che impegna l'imprenditore lì dove si trova, con i mezzi che ha a disposizione. A questa diversità strutturale si aggiunge quella creativa, con cui si esprime l'impegno verso i poveri e la comunità. Si vede come gli imprenditori non interpretino questo impegno in modo uniforme, ma lo declinino in modo originale a seconda dei contesti.

Ci sono aziende che donano parte della produzione ai poveri della loro zona, altre che, N41 Pag 05 Corneille ridautofinanziandosi, forniscono servizi che altrimenti nessuno erogherebbe, altre ancora protagoniste di progetti di sviluppo locale. Gli esempi di azioni concrete sono innumerevoli.

Mi ha colpito ascoltare imprenditori competenti parlare di dono, gratuità, fiducia, provvidenza: concetti completamente fuori dal discorso economico e ora portati all’attenzione della comunità produttiva e scientifica attraverso l’attività costante e silenziosa di qualche centinaio di imprese, nella quasi totalità piccole se non microscopiche realtà, sparse in tutto il mondo.
Aderire all’EdC non significa, per queste aziende, sfoggiare una certificazione da mettere in etichetta (che non c'è e a mio avviso è meglio così), non è un lavarsi la coscienza con N41 Pag04 Sala Congresso ridazioni filantropiche, di cui del resto anche i bilanci sociali di certe multinazionali, dirette responsabili di tante storture, sono zeppi. Significa invece provare a cambiare le cose nell’unico modo possibile: prendendosi cura di una persona alla volta.

Ho avuto modo di apprezzare come alla pratica si stia affiancando una solida teoria, finalmente, anche se con timidezza, riconosciuta dalla scuola mainstream. Senza però dimenticare che «l’EdC è per i poveri, non per i professori», come ebbe a dire Chiara Lubich.
Infine, mi porto a casa la bellezza della natura africana, in cui ho potuto immergermi per qualche giorno prima del congresso, proprio nei luoghi in cui, in epoche remotissime, l’uomo non ancora Uomo ha imparato la cooperazione. È scritta nel nostro Dna: gli imprenditori EdC col loro agire ci ricordano le cose davvero importanti.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it