ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Un benefico contagio tra imprenditori

In Brasile si va diffondendo l’interesse per un diverso modo di concepire l’economia e gestire l’azienda. L’EdC sta sviluppando una rete di imprese “simpatizzanti”.

di Armando Tortelli

N39 Brasile pag09 Armando Tortelli ridda "Economia di Comunione - una cultura nuova" n.39 - Inserto redazionale allegato a Città Nuova n.13/14 - 2014 - luglio 2014

Dal 2013 ogni mese la commissione EdC del Sud del Brasile, insieme all’Associazione nazionale degli imprenditori EdC, organizza conferenze skype per far crescere la comunione tra i titolari d’azienda aderenti e simpatizzanti del progetto. È un momento atteso da tutti e preparato secondo le loro esigenze. Frutto di questi contatti, mantenuti e coltivati anche attraverso visite reciproche, è il protagonismo degli imprenditori “simpatizzanti”, cioè di quelli che non hanno ancora aderito formalmente al progetto ma lo vivono in pieno nella realtà quotidiana del loro fare impresa.

A Guarapuava, nello Stato di Paranà, ad esempio, la docente Ana Amelia Nerone Araujo, studiosa e membro della Commissione EdC locale, si è incontrata con un gruppo di studenti dell’Unicentro che hanno conosciuto l’EdC ed hanno partecipato agli appuntamenti a San Paolo dal 2011 in poi. L’intento era quello di approfondire il progetto unendosi agli imprenditori simpatizzanti della città, dando vita a riunioni periodiche tra loro che sono sfociate in un programma: organizzare due scuole di EdC aperte a quanti avessero interesse.

N39 pag 09 Brasile Irati ridLa prima, svoltasi a settembre 2013, ha visto la partecipazione di 150 persone. La seconda, tenutasi lo scorso 28 maggio, ha superato i 200 partecipanti, tra cui le più importanti autorità locali: il vice-rettore Osmar Ambrósio e il sindaco César Augusto Silvestre Filho, oltre ad altri consiglieri comunali. Inoltre, si sono aggiunti al gruppo altri cinque imprenditori EdC venuti da Joinville, nello Stato di Santa Catarina, e da Londrina, nel Paranà. Con questi si sono visitate alcune imprese, come quella di Douglas Luis Limberger, la Beijo Baiano Biscoitos, con 65 dipendenti. Uno dei partecipanti ha ben espresso l’impressione di molti di loro: «L’EdC è “la strada” che molti sperano di conoscere un giorno».

L’entusiamo di Guarapuava ha trascinato quelli venuti dalla città di Irati, lontana cento chilometri, ma vicina per i contatti. Così i coniugi Rosani e Oscar Muchau e altri imprenditori simpatizzanti hanno voluto ripetere a Irati la stessa esperienza e lanciare ad altri l’idea dell’EdC. Così hanno organizzato un evento nella serata del 29 maggio, in modo che un gruppo di Guarapuava potesse venire da loro e offrire il loro contributo. Coinvolgendo anche la città vicina, Rebouças, dove ci sono altri imprenditori aderenti e simpatizzanti, sono riusciti a radunare 48 persone. Ecco cosa ci raccontano: «Siamo felicissimi, gli incontri sono stati un vero successo. Abbiamo visto che le persone erano impressionate e alcune hanno espresso l’interesse di formare un gruppo di studio qui». Tra i presenti c’erano 30 imprenditori oltre ai giovani, professori e consiglieri comunali. Il testimone è stato raccolto, tanto da far dire con particolare ardore all’indirizzo di Anpecom: «Ora tocca a noi! Avremo però bisogno del vostro sostegno in quanto Anpecom per ricevere i materiali di studio e andare avanti. Grazie di tutto il vostro supporto!».

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it