ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Giornata della donna. La testimonianza di un'imprenditrice italiana

Intervista di Radio Vaticana a Irene Giordano

pubblicato su: radiovaticana.org il 9/03/2012

Logo_radiovaticanaImpegnarsi di più per l'uguaglianza e il rafforzamento delle prerogative delle donne come diritto umano fondamentale da cui tutti possono trarre beneficio”. E’ l'appello lanciato dal segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, nel messaggio per la Giornata internazionale della donna. Nel mondo, cresce l’influenza femminile nella politica e negli affari, ma tanto resta da fare, dice, specie nei contesti rurali, nei quali bisogna investire per lo sviluppo delle nazioni.

Tra le tante testimonianze da noi raccolte sull’impegno e la vita delle donne nel mondo, proponiamo una figura femminile di imprenditrice del sud Italia, Irene Giordano, che a Enna è partner di uno studio di consulenza per il lavoro e che ha scelto insieme con altre 200 attività italiane di aderire al progetto Economia di comunione del Movimento dei focolari. Ascolta intervista

In che modo, dunque, una donna legge la crisi economica attuale e quali le risposte possibili? L’intervista è di Gabriella Ceraso:

R. – A mio avviso, si tratta particolarmente di una crisi di rapporti, di capacità reciproca di relazione, che è poi quella che crea dinamiche positive dentro ai gruppi di lavoro, nelle aziende, e quindi anche nel più ampio contesto sociale. Penso che questa crisi sia sicuramente un’occasione per rivalutare e rivedere le contrapposizioni tra le parti sociali, le dinamiche tra imprenditori e lavoratori. E in questo l’Economia di comunione ha anche una parola da spendere.

D. – L’economia di comunione a cui lei aderisce come imprenditrice prevede la suddivisione degli utili tra azienda, formazione e anche fondo di solidarietà. Si riesce a far fronte alla crisi con questa logica, che non è quella del profitto?

R. – Restando ai dati, sono aumentate le aziende che aderiscono al progetto ed è aumentata la quantità di utili che sono stati condivisi nello scorso anno. Irene_Giordano_ridCerto, le difficoltà ci sono, però probabilmente la disponibilità a essere più essenziali nelle attese di ritorno del lavoro che si fa – a condividere di più, a innovare e a coinvolgere tutte le potenzialità, quindi anche giovani e persone in disagio – in questo momento premia.

D. – Che effetto le fa sentire che al Sud lavora solo una donna su quattro, nonostante il 19 per cento, secondo gli ultimi dati, sia laureato contro il 12 per cento degli uomini? Come far fronte a questo che sembra un potenziale di crescita sprecato?

R. – Sicuramente, ci vuole più coraggio. Innegabilmente, al Sud ci sono anche meno strutture, meno supporti per la donna che lavora e un po’ sta venendo meno anche quell’apporto fornito dalle relazioni familiari e sociali. Per una donna, conciliare il lavoro con i tempi della famiglia sinceramente è ancora difficile. Tuttavia, questa situazione si può correggere e vedo anche segni di crescita e di cambiamento.

D. – Come donna imprenditrice, quali priorità indicherebbe per una sana crescita oggi?

R. – Ci vuole più capacità di donarsi e meno attese, meno pretese. Le priorità, sicuramente sono la condivisione e poi dare tanto spazio alla formazione, cioè crescere nel senso culturale, prepararsi e cercare di guidare il cambiamento verso mete positive.

D. – In questo il ruolo positivo delle donne qual è?

R. – La capacità di rilevare i bisogni e di avere quella attenzione in più nel suggerire modalità di risposta. Sicuramente, in questo tempo ci può giovare una sensibilità più alta

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it