ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Recife: è partita la Scuola Latino-americana di EdC!

Nella sua introduzione al primo giorno della Scuola Latino-americana di EdC, Luigino Bruni mette in rilievo giovani, inclusione produttiva e creatività

di Daniel Fassa e Roseli Pimentel

pubblicato su cidadenova.org.br

120712_Recife_Scuola_1E' iniziata ieri, 12 luglio, presso il Centro Mariapoli di Igarassu, nell'area metropolitana di Recife, Brasile, la Scuola Latino-americana di Economia di Comunione (EdC). I 200 partecipanti arrivati nelle terre dello stato di Pernambuco sono stati accolti con una gioiosa cerimonia di apertura, piena di riferimenti musicali e socioculturali.

La prima parte della giornata è stata introdotta da Luigino Bruni insieme ad alcuni leaders brasiliani di EdC; Bruni, – principale teorico dell' Economia di Comunione – ha descritto brevemente la storia del progetto e ha presentato le sue prospettive future: Economia di Comunione - ha spiegato Bruni-  non è solo un concetto, ma un processo continuo che si ricostruisce attraverso i rapporti.

L'economista ha sottolineato il ruolo chiave che i giovani devono svolgere in questo nuovo modello economico nei prossimi anni, soprattutto con l'emergere di nuove imprese. "Oggi abbiamo molti imprenditori nello spirito di EdC, ma poche aziende. C'è un vino nuovo in attesa di otri nuovi", ha detto, spiegando che il seme, DNA dell’EdC si è formato negli ultimi vent’anni, ma è il momento di farlo diventare un albero.

Per questo, Bruni ha individuato alcuni passaggi chiave. Prima di tutto, occorre promuovere maggiormente l'inclusione produttiva dei più poveri, vale a dire non solo alleviarne l'indigenza attraverso donazioni – un aspetto fondamentale del progetto – ma inserirli nel processo produttivo. Questo perché il lavoro è fondamentale per lo sviluppo della dignità umana e per la superamento delle relazioni asimmetriche.

In secondo luogo, è necessario, secondo Bruni, un esplosione creativa, messa in atto in particolare da parte dei giovani, 120712_Recife_Scuola_2allo scopo di far nascere nuove imprese in grado di rispondere efficacemente alle esigenze sociali e di costruire un modello economico basato sulla comunione, la reciprocità e la libertà. Infine, l'economista ha sottolineato l'importanza di creare sinergie con i molti altri attori del mercato e della società civile che lavorano per la costituzione di una nuova economia.

"Oggi per me è stato importante per avere un'idea generale del EdC, condividere i pensieri, le domande. C'era piena comunione e solidarietà che sono essenziali per l’EdC, pensando ai principi di reciprocità", ha detto il giovane Manoel Carvalho Contijo dos Santos, di Salvador, capitale dello stato della Bahia, alla fine del primo giorno di scuola.

Luigino Bruni ha concluso proponendo che scuole di formazione come questa si tengano ogni anno, sempre in sedi diverse: i partecipanti hanno dimostrato di approvare la proposta con un lungo applauso.

Nei prossimi giorni, oltre a momenti in plenaria con Luigino Bruni e gli imprenditori EdC, si terranno numerosi workshop, su sette temi principali: la spiritualizzazione delle imprese; qualità e certificazione, strumenti per passare dall'assistenzialismo alla reciprocità, all'interno e all'esterno dell'azienda; la trasformazione delle imprese , degli imprenditori e dei lavoratori: un nuovo modello di sviluppo; sistemi alternativi di produzione e innovazione sociale: una riflessione dall’ottica dell'EdC; il lavoro di un ricercatore EdC; il coraggio di essere un imprenditore. Aggiornamenti dalla scuola di Igarassu su queste pagine!

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it