ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Asca - 17/09/2011

LoppianoLab: Scuole e apertura all'esterno per futuro Economia di Comunione

logo_Asca(ASCA) - Incisa Valdarno (Fi), 17 set - Scuole e corsi di formazione in tutto il mondo per far conoscere ai giovani l'Economia di Comunione. Questa una delle strategie del progetto EdC a venti anni dalla sua nascita avvenuta nel 1991 in Brasile da un'idea di Chiara Lubich, fondatrice del movimento dei Focolari. Oggi l'EdC italiana e' riunita per la sua seconda convention a Loppianolab, l'expo organizzata nel Polo 'Bonfanti' a Incisa Valdarno.

''Le prospettive e le strategie per il 2031 - spiega Luigino Bruni, docente all'Universita' di Milano Bicocca e tra i principali artefici del progetto EdC - agiscono su varie linee. In primo luogo abbiamo un grande progetto per i giovani, con scuole di formazione in tutto il mondo perche' i giovani non sono il futuro ma un modo diverso di vivere il presente''.

Protagonisti del pomeriggio a Loppianolab saranno proprio i giovani con le testimonianze degli allievi della Scuola Mediterranea di Economia civile e di comunione di Crotone; del Corso di alta formazione in Economia di Comunione di Lamezia Terme; dell'Accademia Mediterranea di Economia civile di Taranto.

Poi, riprende Bruni, serve un ''maggiore impegno per la poverta' che c'e' nei territori dei Paesi piu' sviluppati, anche nel nord del mondo, nelle nostre imprese. Poverta' materiale, ma anche di valori, solitudini''.

''Un'altra linea strategica - aggiunge Bruni - e' il dialogo con la societa' civile, la capacita' di essere rete. L'EdC funziona se si apre e si mette in rete con gli altri, con l'economia civile italiana. L'economia di Comunione non e' confinata al movimento dei Focolari, e' nata nel movimento ma ha una vocazione universalistica''.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it